BANDE ORGANIZZATRICI



Società Filarmonica di Bruzolo

La società filarmonica di Bruzolo, la più antica associazione bruzolese, nacque ufficialmente poco dopo l’unità d’Italia, nel 1870; la sua nascita fu peraltro solamente ufficiale, è attestato, infatti, che già da alcune decine di anni fosse presente sul territorio un gruppo di musicanti che allietava le feste del paese. Naturalmente questa presenza non rappresentava una vera e propria continuità, ma una cifra veniva annualmente assegnata al maestro.

Il filo della storia congiunge quei lontani anni ai giorni nostri, dai primi anni del novecento, durante i quali i componenti della società filarmonica, formati soprattutto da ex componenti delle bande militari, accrescevano la passione per la musica. Ne fu un esempio il Concorso Musicale di Oulx del 1908 al quale la società filarmonica bruzolese partecipò, classificandosi seconda.

Ma la Storia, con le due guerre mondiali, irruppe nelle tranquille vite dei Bruzolesi, i quali seppero negli anni a venire, sempre superare le difficoltà causate da questi tragici eventi.

Durante gli anni si sono succeduti sul podio numerosi maestri che hanno dato la loro impronta all’associazione: nel 1948 salì sul podio di direzione un giovanissimo Giuseppe Ravetto, il quel, in seguito, condusse la società filarmonica per più di quarant’anni. La bacchetta è poi passata al suo successore, Carlo Campobenedetto, tutt’ora maestro.

Nel corso degli anni novanta la società ha partecipato al “Concorso per Bande Musicali di Brescia” e ai campionati mondiali di sci di Sestriere.

Durante gli ultimi anni nuove iniziative sono state avviate soprattutto per quanto riguarda i giovani.

Ne è un esempio la prima giornata dei giovani strumentisti della provincia di Torino svoltasi a Bruzolo l’11 luglio 2008.

Questo ruolo di protagonisti svolto dai giovani, è continuato con la presenza dei giovani bruzolesi nelle varie formazioni che l’Anbima a livello provinciale e regionale ha promosso .

Inoltre va ricordato il rapporto che si è instaurato dal 2007 a questa parte con il Maestro Lorenzo Pusceddu, con il quale la società filarmonica, attraverso stage formativi, ha intrapreso un nuovo cammino di formazione. In occasione del quattrocentenario dei Trattati di Bruzolo il M° Pusceddu ha composto, su commissione della Società Filarmonica, un brano appositamente per l’evento: la “Mort du Roi”... 


Per avere ulteriori informazioni sulla banda di Bruzolo:

Numero di telefono: 3336501921

Sito: www.filarmonicabruzolo.com

Mail : filarmonica.bruzolo@libero.it

Facebook: Filarmonica di Bruzolo


Società Filarmonica Venausina

Venaus, piccolo paese di 1000 abitanti ai piedi del monte Rocciamelone, a 55 km da Torino, posto sulla strada reale, antica via di salita verso il valico del Moncenisio e quindi la Francia, da oltre duecentoventicinque anni vanta la sua Banda Musicale. Dagli archivi della biblioteca comunale di Torino si rileva cha la prima spontanea formazione fu fondata nel 1790 e fosse composta da quindici elementi, mentre, almeno in forma ufficiale, non era ben definita la figura del Maestro. Intorno al 1910 la predisposizione dei Venausini verso la musica, fece sì che, per un certo periodo, esistessero addirittura due Bande Musicali: quella tradizionale composta per lo più da elementi di navigata esperienza musicale ed "anagrafica" e quella creata da un giovane musico che riunì con sé altri giovani intraprendenti. Nel volgere di alcuni anni le due compagini misero da parte le loro rivalità e riuscirono a sintonizzare armonie ed intenti cosi la banda dei "giovani" ebbe il sopravvento e accorpò l'altra formazione ormai composta di pochi elementi anziani.

Dal 1992 la direzione artistica è stata affidata al Maestro Carlo Campobenedetto, attualmente la Società Filarmonica presenta un organico di circa 45 elementi, con una numerosa presenza di giovani. La Filarmonica dedica una particolare attenzione ai corsi musicali (Fiati, Percussioni, Propedeutica musicale) affidati a qualificati docenti, e dal 2012 organizza Campus estivi musicali.

Il repertorio spazia da brani originali per banda a trascrizioni di musica classica, colonne sonore di film, brani in forma di spettacolo con narratore e coro.

Oltre all'attività concertistica, la Società Filarmonica Venausina nelle circostanze più solenni accompagna le festose evoluzioni degli Spadonari sul sagrato della chiesa: conosciuta come uno dei momenti più singolari del folklore delle Alpi Cozie la Danza della Spada di Venaus si ripete ciclicamente ogni anno con gesti precisi celando il suo significato rituale. L'arte della danza è ereditaria e si tramanda nelle famiglie da padre in figlio. Gli Spadonari sono quattro e il loro costume è costituito dal corpetto di velluto chiuso sul davanti da nastri colorati e ornato con frange e ricami, da camicia e guanti bianchi, pantaloni e scarpe nere, dal vistoso copricapo fiorito da cui partono lunghi nastri colorati che scendono lungo la schiena, e dalla spada ricurva lunga circa un metro e mezzo.

 


Per avere ulteriori informazioni sulla banda di Venaus:

filarmonica.venaus@email.it

 

http://www.comune.venaus.to.it/ComSchedaTem.asp?Id=21790

fb: Società Filarmonica Venausina